Home2017novembre

novembre 2017

I PRUVERBI DI NOSTAR VECC Qualche volta ci andavano giù pesanti con i motti dialettali, i nostri nonni e bisnonni, conveniamone. Specie per le faccende del sesso, con il genere femminile in posizione subalterna. Ma il dialetto era la lingua della semplificazione e della concretezza, dell’osmosi con la natura, della realtà di ogni atto, ogni gesto, ogni comportamento. L’autore, Carlo Bassi, ha imparato a padroneggiarla studiandola in tutte le sue componenti, dai lemmi alla loro pronuncia, dalle articolazioni della grammatica e della sintassi all’espressività del mezzo di comunicazione sia parlato che scritto. Ha cercato con pazienza e metodo di approccio sistematico a ricostruirne le connessioni e la struttura, i significati, le modalità abitudinarie e le singolarità. Gli usi comuni e le eccezioni. Il libro è illustrato con le vignette disegnate dai bravi alunni del Liceo d’arte “Melotti” di Lomazzo che hanno interpretato umoristicamente qualcuno dei motti da loro preferiti.

Read More

L’ALTRA TRINCEA Una rievocazione del “fronte interno” a Como durante la Grande Guerra. Fra i volumi dedicati dalla Famiglia Comasca a episodi e figure della storia locale (e non solo), questo scritto di Antonio Marino si colloca con una sua solidità di impostazione e di stesura che lo rende particolarmente destinato a durare nel tempo ed a offrirsi come fonte sicura d’informazione per future ricerche nel campo. Marino è un giornalista di matura esperienza e uno storico coscienzioso che si avvale di una scrittura sciolta e limpida, capace di trasmettere con immediatezza e ordine espositivo il contenuto della documentazione raccolta soprattutto dai giornali dell’epoca. Nel documentatissimo racconto balzano all’occhio le figure dei protagonisti, gli eroi sconosciuti o nascosti di una tragedia collettiva nella quale i combattenti in trincea hanno il sostegno dei loro cari e dei concittadini rimasti a casa ad affrontare situazioni difficili, incresciose, spesso dolorose con un coraggio ammirevole che merita a cent’anni di distanza un commosso rispettoso ricordo.

Read More